20/03/2018

Means To An End – Joy Division – Still

administrator No comments

Please forward this error screen to 109. Still is a compilation means To An End – Joy Division – Still by English rock band Joy Division, consisting of previously released and unreleased studio material and a live recording of Joy Division’s last concert, performed at Birmingham University.

The album includes the only live performance by the group of the song “Ceremony”, which later became a New Order single. Originally planned for release in August, Still was eventually released on 8 October 1981. 5 in the UK upon its release and peaked at No. 3 in New Zealand in February 1982.

The CD version of the album was released in March 1990. Still, along with Closer and Unknown Pleasures, was remastered and reissued on 17 September 2007. BBC Music called it “a partly frustrating compilation”. Joy Division Concert: 20th February 1980: Town Hall, High Wycombe”. This page was last edited on 12 February 2018, at 17:43. Closer è il secondo ed ultimo album in studio della band inglese Joy Division.

Pubblicato il 18 luglio del 1980, dall’etichetta Factory Records, il disco vide la luce due mesi dopo la morte per suicidio del leader Ian Curtis. La tomba della famiglia Appiani nel Cimitero monumentale di Staglieno di Genova, usata come copertina dell’album. Dopo la pubblicazione del singolo Atmosphere, la band tornò nuovamente in sala d’incisione per registrare i brani del loro secondo album. Le session si effettuarono tra il 17 e il 30 marzo del 1980, presso i Britannia Row Studios di Londra, anche in questo caso coordinate dal fido produttore Martin Hannett.

Nonostante le sonorità ed i testi sempre più lugubri e l’atmosfera malinconica e decadente che connota la maggior parte dei brani dell’album, le session vennero descritte dai vari componenti della band, come molto divertenti, costellato dai numerosi scherzi organizzati dai musicisti, in particolare dal cantante. Durante le due settimane di lavorazione, Hannett, decise di cambiare radicalmente il suo approccio alla produzione rispetto al precedente lavoro della band tramite incisioni con massiccio utilizzo di eco per le tracce di batteria e di chitarra. L’album venne comunque registrato molto in fretta, quasi senza il tempo materiale per elaborare quello che finiva sul nastro perché, di lì ad un mese, nel maggio 1980, i Joy Division avrebbero dovuto iniziare il loro tour americano. Closer venne pubblicato il 18 luglio 1980 dalla Factory Records e, di fatto, divenne così il primo disco postumo dei Joy Division ed epitaffio di un’artista scomparso troppo prematuramente. Il suo suicidio cambiò quindi le carte in tavola per la band e, paradossalmente, fece la fortuna di critica e soprattutto pubblico che, in parte attirati da una certa curiosità per la band ed il suo cantante prematuramente scomparso, premiarono le vendite l’album che raggiunse il piazzamento numero 6 nella UK Albums Chart, la classifica inglese degli album più venduti. Per la copertina del disco venne nuovamente contattato Peter Saville che utilizzò una foto realizzata da Bernard Pierre Wolff e raffigurante la tomba della famiglia Appiani, sita presso il Cimitero monumentale di Staglieno di Genova.